Il Nuovo Codice Appalti, il D.Lgs. 18/04/2016 n. 50 (pubblicato sulla G.U. n. 91 del 19 aprile 2016 ed entrato in vigore lo stesso giorno) ha introdotto norme premiali che valorizzano e ampliano il ricorso e l’adozione, da parte delle imprese, di sistemi di gestione certificati. Oltre alla certificazione di qualità, i benefici vengono infatti estesi ad altri schemi e standard di riferimento.
Alla base di questa scelta del Legislatore sta la convinzione che i sistemi di gestione costituiscano, in senso lato, un meccanismo di riduzione del rischio per il settore in cui operano, purché costruiti secondo norme internazionali e certificati da Organismi accreditati.
Entrando nel concreto, in materia di garanzie per la partecipazione alle procedure, all’art. 93 il nuovo Codice prevede, in rispetto agli importi delle garanzie e dei loro eventuali rinnovi, le seguenti riduzioni:
• RIDUZIONE PARI AL 50% per gli operatori economici in possesso di certificazione del sistema qualità ai sensi delle norme europee della serie ISO 9000, UNI CEI EN 45000 e EN ISO/IEC 17000, rilasciata da Organismi accreditati;
• RIDUZIONE PARI AL 30%, anche cumulabile con la riduzione di cui al punto precedente, per gli operatori economici in possesso di registrazione EMAS ai sensi del Regolamento (CE) n. 1221/2009;
• RIDUZIONE PARI AL 20% per gli operatori in possesso di certificazione ambientale ai sensi della norma UNI EN ISO 14001;
• per i contratti relativi a servizi o forniture, RIDUZIONE PARI AL 20% (anche cumulabile con la riduzione di cui ai punti precedenti), per gli operatori economici in possesso, in relazione ai beni o servizi che costituiscano almeno il 50 per cento del valore dei beni e servizi oggetto del contratto stesso, del marchio di qualità ecologica dell’Unione europea (Ecolabel UE) ai sensi del regolamento (CE) n. 66/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2009;
• RIDUZIONE PARI AL 15% per gli operatori economici che sviluppano un inventario di gas ad effetto serra ai sensi della norma UNI EN ISO 14064-1 o un’impronta climatica (carbon footprint) di prodotto ai sensi della norma UNI ISO/TS 14067;
• per i contratti di servizi e forniture, RIDUZIONE PARI AL 30% (non cumulabile con le riduzioni di cui ai punti precedenti) per gli operatori in possesso del Rating di legalità o della attestazione del Modello Organizzativo 231 (ai sensi del decreto legislativo n. 231/2001), o di certificazione SA 8000 (Etica), o di certificazione del sistema di gestione a tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori, o di certificazione OHSAS 18001, o di certificazione ISO 50001 riguardante il sistema di gestione dell’energia o UNI CEI 11352 riguardante la certificazione di operatività in qualità di ESC (Energy Service Company) per l’offerta qualitativa dei servizi energetici, o di certificazione ISO 27001 riguardante il sistema di gestione della sicurezza delle informazioni.

Il possesso di un sistema di gestione può costituire inoltre uno dei criteri di individuazione dell’offerta più vantaggiosa per l’aggiudicazione all’appalto (art. 95); è questo il caso della certificazione in materia di sicurezza e salute dei lavoratori OHSAS 18001, del marchio di qualità ecologica dell’Unione europea (Ecolabel UE), della compensazione delle emissioni di gas serra associate alle attività dell’azienda calcolate secondo i metodi stabiliti in base alla raccomandazione n. 2013/179/UE, relativa all’uso di metodologie comuni per misurare e comunicare le prestazioni ambientali nel corso del ciclo di vita dei prodotti e delle organizzazioni.

Ecolution è in grado di assistere le aziende che vogliano dotarsi di modelli organizzativi e sistemi di gestione efficaci e utili come strumenti di competitività.